GRILLO ATTACCA LA MAGISTRATURA E LA RAGAZZA VITTIMA DEL PRESUNTO STUPRO

Peppe Grillo è patetico e garantista a giorni alterni. Pronto a crocifiggere chiunque ricevesse un avviso di garanzia per qualsiasi motivo è stata la sua battaglia di sempre. Dai palchi, dalle dirette sui social le sue aggressioni verbali a quelli del PD e di FI in particolare, segnavano la sua quotidianità. Per lui erano tutti delinquenti, poi è tornato con i piedi sulla terra.   Oggi fa il pazzo  furioso e attacca la Magistratura perché  si è permessa di indagare suo figlio per stupro di gruppo. Apriti cielo! Allora il Grillo con tanta aggressività se la prende addirittura con  la vittima. Si, perché secondo Grillo la povera ragazza è colpevole per “essersi fatta stuprare” da innocenti ragazzi. Un affermazione gravissima ed è un atto di “accusa” nei confronti della tante donne violentate. Incredibil!. Ora cosa diranno  i giustizialisti del M5S? E le donne del movimento?

Salvatore Ronghi