AL GOVERNO DRAGHI NON IMPORTA SE IN ITALIA AUMENTANO I MORTI SUL LAVORO, VOGLIONO FARE LE GARE SOLO AL “MASSIMO RIBASSO”

Al Governo Draghi non importa se in Italia se si muore di più  sul lavoro, se aumenta il lavoro nero e anche l’elusione fiscale. Solo così può leggersi l’iniziativa di modificare il codice degli appalti consentendo di assegnare gli appalti solo al “massimo ribasso”. Se in una Nazione manca la cultura della legalità e del rispetto delle leggi, del bene comune e dell’Umanesimo del lavoro di Gentiliana memoria, non si possono allentare le misure e i controlli sul lavoro. In Germania, in Francia, nei Paesi del nord Europa ci sono le condizioni culturali per alleggerire le norme che incidono sulla sicurezza del lavoro ma in Italia, no! Da noi, contiamo mediamente 1200 morti  e oltre 9 mila infortuni all’anno, più che in una guerra. In Italia, conta più il denaro che la vita. Che brutta società è diventata la nostra! Come si può perdonare e non vedere  marcire in carcere, chi causa 14 morti, una strage, come quella della funivia di Stresa? Al cospetto di tali tragedie e di tali responsabilità come può il “governo dei migliori” pensare di eliminare, di fatto, la sicurezza sui cantieri?  Siamo una Nazione senza valori, senza coraggio e senza una guida. Solo chiacchiere e propaganda da quella Roma sempre meno Capitale! Che rabbia!

Salvatore Ronghi