SUD: L’ASSASSINO TORNA SEMPRE SUL LUOGO DEL DELITTO

Ministri ed ex Ministri, Deputati e Senatori che di Sud hanno solo la residenza, Presidenti ed ex Presidenti di Istituti e Fondazioni che hanno detto e (non) fatto la loro per il Sud. Confindustria e Cgil-Cisl e Uil, industriali noti e “assistiti”, insomma ci sono quasi tutti, mancano solo Il già Presidente Giorgio Napolitano e il Presidente Sergio Mattarella. Oggi e domani siederanno intorno ad un tavolo virtuale per “confrontarsi “ sul Sud dell’Italia. Quella stessa “virtualità“ che hanno messo in campo fino ad oggi   Si, quel Sud che da centosessanta anni non si ritrova in quella Italia che solo a Roma la ritengono unita. Quel Sud depredato non solo dai “Piemontesi” ma anche dai governi repubblicani. Quel Sud mancante di infrastrutture e di lavoro vero e nel quale, particolarmente le donne e i giovani stanno pagando un prezzo altissimo a causa della pandemia e se fino a due anni fa, la fuga dal Sud spopolava una città all’anno ora le città passano a due! Ora ci racconteranno del Recovery Plan di quello che potrebbero fare e che non faranno ma la colpa non è solo di chi continua a prendere in giro il nostro Sud ma anche di chi continua a premiare chi “banchetta” sulla nostra pelle. Si, è proprio vero, “GLI ASSASSINI  TORNANO SEMPRE SUL LUOGO DEL DELITTO”!
Il Brigante