PELUSO (FDI): LA DESTRA DI GOVERNO PER NAPOLI

Il confronto politico per la grande sfida alle elezioni comunali di Napoli sta entrando nel vivo. Chiediamo alla vice responsabile delle Politiche per il Mezzogiorno di Fratelli d’Italia, Gabriella Peluso, le vostre Idee per Napoli?

R: Il Partito sta lavorando al progetto per Napoli. Ritengo che legalità, lavoro e socialità siano fondamentali affinchè Napoli recuperi orgoglio e fierezza di sé, riscatti la propria immagine in Italia e nel mondo e torni ad essere, dopo i fallimenti della sinistra che durano da 45 anni, la Capitale della produzione, della cultura, della civiltà. Ciò può avvenire solo con il progetto politico di Fratelli d’Italia, la destra di governo che punta sul rilancio dell’identità, dei valori, sulla sicurezza e sul controllo del territorio, sul decoro architettonico, sulla valorizzazione delle vocazioni dei quartieri e sulla integrazione delle periferie.

D: Lo sviluppo socio economico per Napoli?

R: Bisogna ripartire da Bagnoli, dall’area orientale e dal Porto, che sono i  principali volani per lo sviluppo della città. Bisogna portare a termine il progetto per Bagnoli in tempi rapidi per dare slancio al turismo, potenziare e modernizzare il Porto per dare slancio al commercio con i Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, restituire una nuova identità all’area orientale di Napoli per concretizzare iniziative industriali ed imprenditoriali. Così come va trasferito il carcere minorile di Nisida che va  riconsegnata  alla Città.

D: Oltre alla disoccupazione, la povertà è l’altra grave emergenza del territorio. Come affrontarla?

R: La povertà va affrontata realizzando le condizioni per creare nuovo lavoro non attraverso l’assistenzialismo fine a se stesso. La destra rivendica con orgoglio i suoi profondi valori della socialità e della solidarietà, l’essere concretamente dalla parte delle fasce deboli. Per questo, riteniamo che vadano destinate risorse alle famiglie povere a quelle con anziani e disabili per favorire l’integrazione generazionale.

D: Il Sindaco di Napoli sarà anche Sindaco della Città Metropolitana. Il vostro progetto si estende anche ad essa?

R: Certamente.  Napoli e la sua area metropolitana devono diventare “smart city”, ovvero intelligenti ed moderne, come è avvenuto nelle aree metropolitane d’Europa e in altre città metropolitane italiane. De Magistris ha utilizzato la città metropolitana come  strumento di compensazione dei propri interessi politici vanificando tutte le sue potenzialità. Noi, come destra di governo, puntiamo sul trasporto pubblico locale, risanando e rafforzando ANM e CTP, sulla digitalizzazione e sulla gestione integrata dei servizi, sulla programmazione dello sviluppo integrato dei comuni dell’area metropolitana.